Italia del Vino - Expo 2015
Ricerca

 


(20/05/2020) - Gli enologi italiani brindano con vini francesi

Riflessioni anche polemiche di Roberto Vitali sull’eccessiva esterofilia degli italiani anche nel mondo del vino. Voce isolata o condivisa ?

Gli enologi italiani brindano con vini francesi

Qualcuno, per favore, mi spieghi perché, nella massima assise degli enologi-enotecnici italiani (il congresso svoltosi a Matera), due ampie relazioni (con relativo assaggio dei vini) sono state dedicate a due regioni francesi: la Champagne e la Borgogna. Solo la terza relazione-assaggio è stata dedicata ai grandi vini italiani delle Langhe. Dunque,  Francia, ancora una volta, batte Italia 2 a 1.


Leggo (in ritardo, scusate) le cronache del congresso sulla rivista “L’enologo” e da buon nazionalista, come sono, chiedo: i massimi esperti del vino italiano si riuniscono nel congresso annuale e cantano un esagerato inno (basta leggere gli aggettivi superlativi usati nelle trascrizioni delle due relazioni) ai vini francesi. E’giusto?

Leggo inoltre di supervalutazioni date a bottiglie di Champagne e la relazione insiste sul fatto che certi prezzi siano accettabili e giusti, quando a mio parere sono sopravvalutati e ingiusti. Ancora oggi, purtroppo, la parola Champagne riempie la bocca di bevitori superficiali che guardano solo l’etichetta. E’ l’esterofilia di molti italiani che purtroppo continua, a prescindere dalla effettiva validità del prodotto. Resta comunque il mio dissenso che al congresso di enologi-enotecnici italiani si sia dato tanto spazio ai vini francesi.

Qualcuno dirà:«Ma sai, i vini francesi hanno molta più storia di noi e noi abbiamo ancora da imparare». Sono 40 anni che sento questo ritornello. O veramente i francesi riescono a nascondere bene le loro qualità in enologia oppure gli enologi italiani non sono stati così veloci nell’apprendere e copiare.

Possibile che in Italia non ci siano territori e vini ai quali guardare come modello per migliorare ancora quello che è migliorabile? Di questi territori del Bel Paese avrei preferito si parlasse più diffusamente.

Roberto Vitali



IN VETRINA
CIAVOLICH AZIENDA AGRICOLA in vigna dal 1853
Scheda Cantina »»