Italia del Vino - Expo 2015
Ricerca

 


(03/09/2020) - La Gran Cuvée Blanc de Noir Brut 2016 di Travaglino è il brindisi di oggi, 3 settembre 2020

Metodo classico esclusivamente da Pinot Nero, 36 mesi sui lieviti, prodotto in Oltrepò Pavese, Lombardia

La Gran Cuvée Blanc de Noir Brut 2016 di Travaglino è il brindisi di oggi, 3 settembre 2020

Nella rubrica "Il brindisi di oggi di italiadelvino.com" si raccontano un vino ed il suo produttore.
La caratteristica fondamentale della rubrica è la convivialità delle degustazioni: gli articoli non sono frutto di mie degustazioni individuali, ma di wine tasting a cui hanno partecipato più persone. Di volta di volta ci saranno sì colleghi, enologi e produttori, ma molto più spesso familiari, amici, winelover, quindi molti NON operatori di settore, per poter avere l’opinione delle persone più importanti, i CONSUMATORI.

Per saperne di più sulla rubrica “Il brindisi di oggi di italiadelvino.com” .   CLICCA QUI

Travaglino – Gran Cuvée Blanc de Noir Brut 2016

Oltrepò Pavese metodo classico Pinot nero DOCG



L’annata 2016 è la prima di quest’etichetta ad essere millesimata.
Nel calice si presenta di un intenso color giallo paglierino, cristallino. E’ solcato da un perlage fine e persistente.
Al naso è intenso ed elegante: apre con note di crosta di pane, pesca a polpa bianca, albicocca e cedro, seguite da frutta secca, vaniglia e cioccolato bianco. In seconda battuta diventa protagonista la piacevole striatura balsamica.
In bocca la bollicina è cremosa, il sorso è garbato, dinamicamente equilibrato. Di grande bevibilità,  sapido, buona la persistenza.
Degustazione del giorno 19 agosto 2020; bottiglia appartenente al lotto L7195

Prezzo in enoteca  24-26 €

Valutazione in "Brindisi" di italiadelvino.com



Corrispondenza brindisi-punti :   CLICCA QUI

Informazioni tecniche sulla Gran Cuvée Blanc de Noir Brut 2016

Vitigni
Ottenuto da uve pinot nero.
Vigneto
Le uve pinot nero utilizzate provengono dalla Vigna del Portico oltre che da un’accurata cernita di uve di altre vigne allevate su suoli argilloso-calcarei e su marne sabbiose. Siamo a quote comprese fra i 250 e i 300m s.l.m., lungo pendii aventi esposizione sud-orientale.
Vendemmia
Manuale in cassette da 20 Kg.
Vinificazione
In bianco con pressatura soffice e resa del 45 %. Fermentazione a 18°C IN ACCIAIO.
Permanenza sui lieviti
Tiraggio effettuato a marzo 2017, assemblando i migliori vini base. Affinamento in bottiglia sui lieviti da 30 a 42 mesi (si fanno diverse sboccature): la media è di 36 mesi.
Sboccatura
Sboccata nel mese di ottobre 2019.
Numero di bottiglie prodotte
20.000 + 500 Magnum.
Gradazione Alcolica 
12,5 % vol.
Temperatura di servizio 
6-8 °C.
Abbinamenti
Il produttore lo consiglia sia per l’aperitivo sia a tutto pasto. In particolare per accompagnare piatti di pesce e carni bianche.


Approfondimento: Oltrepò Pavese metodo classico DOCG

La Denominazione di origine controllata e garantita Oltrepò Pavese é riservata ai vini Spumante nelle tipologie Metodo Classico bianco e rosé e Metodo Classico con indicazione varietale Pinot nero bianco e rosé

Tali vini devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti, aventi nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
"Oltrepò Pavese" metodo classico e "Oltrepò Pavese" metodo classico rosé:
Pinot nero: minimo 70%;
Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco congiuntamente o disgiuntamente fino ad un massimo del 30%.
"Oltrepò Pavese" metodo classico Pinot nero e "Oltrepò Pavese" metodo classico Pinot nero rosé:
Pinot nero: minimo 85%;
Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco congiuntamente o disgiuntamente fino ad un massimo del 15%.

La zona di produzione delle uve comprende la fascia vitivinicola collinare dell'Oltrepò Pavese.

L’affinamento in bottiglia sui lieviti deve essere di almeno quindici mesi; per il millesimato il periodo minimo é di ventiquattro mesi.

Per leggere il Disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata e garantita "Oltrepò Pavese" metodo classico   CLICCA QUI.

Approfondimento: l’azienda Travaglino – Canneto Pavese (PV)

Le prime notizie scritte su Travaglino risalgono al 1111. Originariamente si trattava di un monastero medievale, sulla via per Bobbio. Nel 1868 la proprietà viene acquistata dalla famiglia milanese Comi. La storia moderna di Travaglino inizia nel 1965 quando Vincenzo Comi trasforma l’antica tenuta in un’azienda vitivinicola. Negli ultimi vent’anni sono stati fatti importanti sforzi in termini di modernizzazione della cantina. Oggi Travaglino, con i suoi 400 ettari in corpo unico, di cui 80 vitati, 12 cascine, un borgo storico e una locanda, rappresenta una delle realtà più pittoresche e rappresentative dell’Oltrepò Pavese.

Dal 2013 alla guida dell’azienda vi è la quinta generazione della famiglia Comi: Cristina Cerri Comi ed il fratello Alessandro. Sono i nipoti di Vincenzo. Dal 2016 l’enologo è Achille Bergami. Tra le scelte di Cristina ed Alessandro una delle più importanti è stata sicuramente quella di avvalersi, da gennaio 2017, della consulenza enologica di Donato Lanati.
Pinot Nero e Riesling Renano sono i 2 vitigni principali della Tenuta.
La produzione attuale si attesta intorno alle 180.000 bottiglie.

Tenuta Travaglino
Località Travaglino
27045 Calvignano (PV)
info@travaglino.it
www.travaglino.com


Mauro Giacomo Bertolli


IN VETRINA
CIAVOLICH AZIENDA AGRICOLA in vigna dal 1853
Scheda Cantina »»